Skip Navigation Links
Home
PubblicazioniExpand Pubblicazioni
AbstractExpand Abstract
Letture e Laboratori
EventiExpand Eventi



Titolo Abstract:
Nuova casa con Margherita

Abstract:
Mi occorre tutta la mattina dopo per radunare le mie cose. Ficco nella pattumiera un paio di scarpe sfondate, abbandono qualche maglia, pullover e sciarpa in favore di libri, quaderni e appunti e, carica come un mulo, riesco ad arrivare a casa di Margherita soltanto nel tardo pomeriggio.
Lei mi stava aspettando e già aveva sgombrato per me la stanza in cui mi sistemo alla belle e meglio. Mi do disponibile ad aiutarla per la cena, ma il cucinino è piccolo e mi pare di infastidirla. Mi viene da pensare a Simona. Stamattina assisteva ai miei preparativi come un’anima in pena, conscia che un filo tra noi si stava spezzando e non trovava di meglio che dispensare consigli e appelli all’uso del buon senso, accennando a mari in tempesta e pericoli in agguato, e adesso provo l’improvviso bisogno di rassicurarla, di augurarle la buona notte. Chiedo a Margherita il permesso di telefonare e la chiamo, ma dal tono della sua voce avverto che ha già assorbito il distacco, dico due parole e chiudo e mi viene un groppo in gola. Mi sento come denudata, per la prima volta davanti a uno specchio che riflette la mia immagine senza veli protettivi, con tutte le imperfezioni, le incertezze nelle linee curve, i nei, le ciglia troppo folte, i sentimenti feriti che hanno scurito il sotto degli occhi, come un incavo inedito che prima non c’era nella pelle tersa dell’inconsapevolezza. Non sono mai stata così sola, così lontana e estranea a tutto ciò che appartiene al mio passato.
E devo ancora compiere 21 anni.
Margherita si accorge del mio turbamento e gesticolando con il coltellino con cui sta pelando le patate, mi chiede di raccontarle a che punto sono della mia vita.
Le rispondo che sono in attesa. La frase mi viene di getto, perché in attesa mi sento; attesa di mettere ordine, di entusiasmi, di vittorie e di sconfitte.
Spiegarlo a Margherita è difficile. Mi impegolo in infiniti giri di parole, faccio un confuso resoconto delle mie avventure, e ne esce uno discorso senza capo né coda in cui lei, non a torto, non si raccapezza per nulla.
“Sei incinta?”, mi chiede allarmata.
“Incinta?? – rido. – Macché”.
Manco ci ho pensato, alla gravidanza
“E allora che senso ha? Non ho capito”, incalza lei per niente spazientita.
“Sono in attesa di sapere chi sono”.
“Ah, – fa Margherita - profondo!”.
Accende la radio e mette su l’acqua per far bollire le patate.
“In attesa di sapere chi sei, vai a comprare il pane, prima che chiuda”, mi dice.
“D’accordo - bofonchio. – Comunque saper aspettare è importante”.
“Forse l’attesa è di qualcuno, non di sapere chi sei, carina! Di’ le cose come stanno”.

Categoria Abstract:
Cambiamento

Titolo Libro:
Diritto di volare

Collana:
Extra

Autore:
Sofia Gallo
First 1 Last 

Skip Navigation Links
Biografia
Contatti
Novità
Recensioni
Video
 

Per acquistare libri online:
Link altri siti
CIFA onlus


Sinnos editrice


Edizioni San Paolo


Centro Interculturale


Edt - Giralangolo


Filastrocche


Rivista Andersen


Associazione Acmos


Biblioteche civiche torinesi


International Help


Paoline edizioni


Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura


Libreria dei ragazzi


Così per gioco


La libreria La montagna